top of page

Poesia dialettale Lombarda - Carlo Porta

El sarà vera fors quel ch’el dis lu

Che Milan l’è on paes che mett ingossa,

Che l’aria l’è malsana, umeda, grossa,

E che nun Milanes semm turlurù;


Impunemanch però, el me sur Monsù,

Hin tredes ann che osservi d’ona cossa

Che quand lor sciori pienten chí in sta fossa

Quij benedetti verz, no i spienten pù.


Per resolv a la mej sta question,

Monsù, ch’el scusa, ma no poss de men

Che pregall a adatass a on paragon.

On asen mantegnuu sempar de stobbia,

S’el riva a zaffá biava e fava e fen

El tira giò scalzad fína in la grobbia.

 

IL COMMENTO AL TESTO:

Questo breve componimento dialettale, scritto all’inizio del 1800 dal poeta Milanese Carlo Porta, è emblematico dello stile che caratterizza l’integrità della sua opera: il poeta si rivolge di frequente a degli anonimi signoroni della nobiltà meneghina con tono ironico, spesso addirittura avanzando critiche velate all’inoperosa e improduttiva classe aristocratica del tempo, come già aveva fatto con tono più aspro Parini.


In questo caso, quello che Porta rinfaccia al signore, è il fatto che molti che vengono da fuori Milano non facciano che lamentarsi della città, del suo clima e del suo ambiente, nonostante poi gli stessi, per qualche strano motivo, non rivolgano il minimo pensiero alla possibilità di andarsene, consci del benessere che solo Milano è in grado di dargli. La risposta del poeta è semplice e ironica (basti vedere la metafora delle verze o quella dell’asino) è che sarà anche vero quello che si dice di male, ma nonostante ciò quanti 2 vengono da fuori poi difficilmente se ne vanno perché Milano è una città ricca di opportunità e di benessere.


Opmerkingen


bottom of page